A perfect day

La vittima di Delitto ad arte viene uccisa immobilizzata al pavimento dal nastro adesivo, bocca e narici turate da stracci: così David Fairchild ha trovato sua moglie Eleonora.

Le modalità con le quali viene uccisa sono chiaramente una citazione artistica: il corpo fissato a terra in quel modo ricorda A perfect day, l’opera di Maurizio Cattelan.

Il celebre artista italiano aveva appeso il suo gallerista a una parete con lo scotch e lo aveva lasciato così per un’intera giornata. Alla fine della per­formance, Massimo De Carlo aveva avuto un malore ed era stato trasportato al pronto soccorso più vicino con urgenza. Era il 1999 e, inutile dirlo, l’opera aveva suscitato grande scalpore.

Un macabro scherzo quello fatto nel romanzo al collezionista David Fairchild: la scena del crimine, il luogo nel quale trova sua moglie, ha le fattezze di un’opera d’arte. Ma c’è di peggio: se non c’è stata infrazione, se Eleonora ha aperto volontariamente al proprio assassino, vuol dire che non solo al colpevole sono note le passioni di Fairchild, ma probabilmente lo conosceva personalmente