“Balla per me” di Kylie Brant

Balla per me” è un thriller intenso che, grazie alla narrazione incentrata su cinque punti di vista differenti, ci guida nel mistero della scomparsa di due adolescenti.

In una piccola cittadina dell’Ohio si perdono le tracce di Whitney DeVries: la sua sparizione ricorda quella di un’altra ragazza, Kelsey Willard, sparita nelle stesse misteriose circostanze sette anni prima.

Incontriamo la famiglia Willard che, a distanza di anni, sta ancora cercando di metabolizzare la scomparsa di Kelsey, ognuno affrontando il dolore come meglio può. David Willard ha deciso di abbandonare la città, Claire Willard vive offuscata da pillole e alcol e la piccola Sarah, che soffre di gravi problemi d’ansia, prova a vivere la sua vita come una normale adolescente.

La vita della famiglia Willard sarà nuovamente sconvolta quando apprenderanno della scomparsa di Whitney DeVries. Sarà proprio questo personaggio a dare una volta al racconto: oltre a vivere la storia dal punto di vista di chi le era vicino, Kylie Brant ci fornisce anche quello della vittima stessa.

Nei capitoli dedicati a Whitney, il lettore viene infatti a conoscenza delle condizioni di prigionia della ragazza, del modo in cui è trattata dal suo rapitore, ma anche di scene crude e dettagli scabrosi che confermano le doti di scrittrice di suspense di Kylie Brant.

Sarà il detective Mark Foster a cimentarsi nella risoluzione di entrambi i casi, arrivando a scoprire segreti terrificanti e donando ai lettori un colpo di scena totalmente inaspettato.

Balla per me” non è solo il suggestivo racconto di un rapimento: è la storia di chi rimane, combattendo contro il dolore e la disperazione di aver perso una persona cara, ma anche contro i propri sensi di colpa e segreti taciuti.

Siete pronti a leggere Kylie Brant e a farvi trasportare dalla sua scrittura entusiasmante e dalla fitta e intensa trama di “Balla per me”? Il libro debutta in Italia con la traduzione di Luigi Maria Sponzilli.