Il diritto di morire

Giovedì 3 maggio Claudio Volpe ha presentato il suo libro “Il diritto di morire” scritto a quattro mani con Dacia Maraini, una delle più note e apprezzate intellettuali italiane nel mondo. Ha dialogato sul delicato tema del libro Giuseppe Gennari, giudice del tribunale di Milano, introdotti da Riccardo Cavallero.

“Il diritto di morire” è un dialogo tra Dacia Maraini e il giovane avvocato, Claudio Volpe, sul complesso tema del fine vita. L’eutanasia, il suicidio assistito, il testamento biologico e l’accanimento terapeutico: questo libro è una riflessione sugli antitetici concetti del diritto di morire contrapposto al dovere di vivere.

Alla presentazione è intervenuto il giudice del Tribunale di Milano, Giuseppe Gennari, che ha offerto notevoli spunti di riflessione sulla situazione giurisdizionale in Italia: si è parlato dalla concezione che la società ha della morte, del concetto di curabilità della malattia e del momento della resa: quando è che dobbiamo dire basta?

I giuristi hanno poi ritratto quella che è la carenza normativa italiana a riguardo e le soluzioni adottate da diversi anni in altri paesi, come la Svizzera. Si è discusso inoltre dei casi di cronaca più attuali: come quello dj Fabo e Marco Cappato. Presente alla serata anche il PM nel processo Cappato, Tiziana Siciliano.

Un libro piccolo quello di Maraini e Volpe, ma necessario, capace cogliere tutte le sfumature dell’importante riflessione sul Diritto di morire.

 

In diretta la presentazione di "Il diritto di morire" di Dacia Maraini e Claudio Volpe, con l'autore, il giudice Giuseppe Gennari e Riccardo Cavallero.

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op donderdag 3 mei 2018