L’ultima diva dice addio

Giovedì in SEM c’è stata la presentazione del libro esordio di Vito di Battista: “L’ultima diva dice addio” con l’introduzione di Antonio Riccardi.

“Dimentico sempre tutto quello che avevo deciso di ricordare a perfezione: i finali dei grandi classici, i nomi delle donne più potenti della storia; le notti che pensavo fossero le mi­gliori di tutta una vita e le scadenze dei debiti. La sacrilega verità che la strada migliore sia sempre quella che qualcun altro ha già percorso, quindi bisognerebbe solo imparare a restarsene in silenzio e imitare chi è stato più lungimirante di noi.”

Dopo aver letto questa frase, in quel manoscritto sulla scrivania – dice Antonio Riccardi – avevo già deciso di pubblicarlo. Ed effettivamente non è difficile crederlo, basta leggere poche pagine de “L’ultima diva dice addio” per capirlo. Un libro prezioso che si concentra sul tema della memoria: la protagonista, Molly Buck, non è solo un nome, è il senso di una vita, ma anche la volontà di farsi dimenticare cercando di non perdersi.

Il suo passato diviene, con un solo incontro, il futuro di un ragazzo, il narratore, travolto dalla densità di quella vita. Mercoledì dopo mercoledì, con il profumo di tè alla menta, notte dopo notte, ricostruisce con i racconti di lei “una vita intera che nessuna enciclopedia potrebbe riassumere se non perdendo gran parte delle sue più alte meraviglie”.

Questa è “L’ultima diva dice addio” e se vi abbiamo incuriosito non vi resta che cominciare a leggere.

In diretta dai Giovedì SEM, Vito di Battista presenta "L'ultima diva dice addio"

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op donderdag 15 februari 2018