“Il talento della vittima” di Patrizia Zappa Mulas

La notte di Capodanno del capitano Agostino e del carabiniere Pizzetti è stravolta dal ritrovamento del cadavere di una ragazza bellissima e sconosciuta. Nessuno sa chi sia. Chi è questa donna? Perché ha deciso di togliersi la vita?

È su questo scenario che si dipana il giallo de “Il talento della vittima” di Patrizia Zappa Mulas. Ambientato a Gubbio, cuore segreto dell’Italia antica, il romanzo narra della corsa contro il tempo degli agenti Agostino e Pizzetti, che avranno solo ventiquattro ore per risolvere il mistero.

Nell’appartamento della vittima viene ritrovata una lunga lettera indirizzata al Direttore, personalità politica di spicco a Gubbio. Il documento è contemporaneamente il racconto dettagliato di un’intensa storia d’amore e un omaggio alle Tavole Eugubine, tesoro archeologico di Gubbio e unica testimonianza della civiltà che ha abitato l’Italia centrale prima dei romani. Secondo la vittima, il Direttore e le Tavole sono la faccia diversa della stessa medaglia.

Il talento della vittima” unisce elementi storici e misteriosi alla suspense del giallo. La penna di Patrizia Zappa Mulas, attrice e scrittrice con già due romanzi all’attivo, vi terrà col fiato sospeso fino alla risoluzione del mistero.

“Carvalho. Problemi d’identità” di Carlos Zanón

Era il 2004 quando l’ultimo romanzo dedicato al personaggio di Pepe Carvalho veniva pubblicato postumo dopo la morte del suo creatore Manuel Vázquez Montalbán. Quindici anni dopo, il detective più amato dalla Spagna torna a vivere grazie alla penna del giallista Carlos Zanón in “Carvalho. Problemi d’identità”.

Gli eredi di Montalbán, morto nel 2004 a Bangkok, hanno affidato il compito di far rivivere Pepe Carvalho a Carlos Zanón, scrittore e giornalista, da due anni a capo della rassegna di letteratura noir “Barcelona Negra”.

Pepe Carvalho è tornato, brucia sempre i libri che legge e odia la musica moderna. In questo nuovo capitolo della sua storia, però, è invecchiato e combatte con i suoi dubbi personali: Chi è Carvalho? Cosa cerca?

In “Carvalho. Problemi d’identità” il detective non affronta un unico caso durante tutto il romanzo, ma si confronta con tre diversi misteri da risolvere: la scomparsa di una prostituta, l’omicidio di una nonna e della sua nipotina e la vicenda di un ragazzino vittima di bullismo. Sullo sfondo, una Barcellona cambiata come lo stesso Carvalho, in preda alle spinte indipendentistiche e l’attentato avvenuto sulla Rambla.

Il Pepe Carvalho di Carlos Zanón ha un’altra peculiarità rispetto a quello di Montalbán, e cioè che, in questo capitolo, è lui a narrare la sua stessa storia in prima persona. Quest’espediente letterario, dichiara Zanón in un’intervista, è stato fondamentale per permettere di far proprio il personaggio e prendere le distanze dallo stile di Montalbán.

Se non aspettavate altro che una nuova indagine di Pepe Carvalho, correte in libreria: “Carvalho. Problemi d’identità” è in libreria.



Somare di Federico Boni

Somare”, romanzo d’esordio di Federico Boni, nasce con un obiettivo preciso: raccontare la comunità LGBT in termini diversi da come viene raffigurata.

Questo irriverente romanzo ha come protagonisti quattro amici: Eleonora, “frociarola doc” che oramai esce solo in locali gay; Andrea, critico cinematografico sul web sottopagato; Marco, Mister Gay Roma 2012 avverso alle relazioni durature e Michelangelo, finanziere gay.

Eleonora, Andrea, Marco e Michelangelo si divertono, indugiano in feste, alcool, rapporti occasionali e app di appuntamenti. Nel loro mondo ognuno è libero di essere se stesso senza filtri, una realtà lontana da quella che la comunità LGBT era abituata a vivere anni fa. “Somare” è il racconto della profonda amicizia di questi quattro ragazzi che cercano di navigare nel mondo degli adulti a testa alta, tra una citazione pop e un’altra.  

Federico Boni, giornalista e editor di Spetteguless.it, sito di riferimento della comunità gay, scrive un romanzo dissacrante che vi farà sbellicare dalle risate. “Somare” è la descrizione della comunità LGBT senza peli sulla lingua, ma non mancano i momenti di pathos e commozione.

Lo trovate in libreria.



Quando un uomo cade dal cielo di Lesley Nneka Arimah

Arriva in Italia la giovane scrittrice che con le sue short stories ha stregato gli Stati Uniti e non solo: Lesley Nneka Arimah e il suo esordio letterario “Quando un uomo cade dal cielo” sono in libreria dal 16 maggio.

Il libro è un’antologia di racconti, alcuni già pubblicati su testate di fama internazionale come il “New Yorker”, che hanno ricevuto numerosi premi tra cui il prestigioso National Magazine Award for Fiction.

Le storie di “Quando un uomo cade dal cielo” presentano una grande varietà di stili e temi pur restando profondamente coese tra di loro. L’autrice, infatti, riesce a destreggiarsi tra i vari generi del racconto, come quello realistico o magico, donando al libro una ventata di diversità e dinamismo.  Lesley Nneka Arimah narra di temi universalmente riconosciuti come la gioia e i dolori della vita quotidiana, le relazioni tra genitori e figli, e poi l’amicizia, amore e tradimento.

Il filo conduttore che tiene legate le storie di “Quando un uomo cade dal cielo” sono le donne. Le protagoniste femminili di questo romanzo sono reali e sincere, hanno pregi e difetti che l’autrice non cerca di nascondere, ma che invece l’aiutano a definire l’essenza dell’essere donna nelle diverse fasi della vita.

Lesley Nneka Arimah è una nuova e talentuosa voce del panorama letterario che vale la pena conoscere.



Camille Bordas, Come muoversi tra la folla

 

Maria Giulia Castagnone, editor di SEM, vi presenta il nuovo romanzo di Camille Bordas intitolato “Come muoversi tra la folla”.

Isidore, da tutti chiamato Dory, è un bambino di undici anni che vive con i sei fratelli e i genitori in una cittadina francese. Nel mondo di Isidore, però, essere “normali” è sinonimo di anormalità.

In Come muoversi tra la folla, la Bordas vi catapulterà nella vita interiore di un adolescente alla scoperta di se stesso e del mondo che lo circonda. Non mancheranno momenti di malinconia, riflessione, ma soprattutto dark humor.

 In libreria da oggi.

L'editor Maria Giulia Castagnone ci porta alla scoperta di "Come muoversi tra la folla", di Camille Bordas: in uscita oggi!

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Woensdag 20 maart 2019

Tu salvati: intervista a Paolo Valentino

Le vite di quattro personaggi cambiano radicalmente a seguito della morte di Galdina, un’adolescente col titolo di “Miss cesso del liceo”. Paolo Valentino, autore di Tu Salvati, ci racconta le sfide che i suoi personaggi dovranno affrontare quando messi faccia a faccia con i loro fantasmi.

Tu salvati è un romanzo complesso come i temi di cui tratta, tra cui l’adolescenza e i continui mutamenti che quest’età delicata può portare.

Intervista a Paolo Valentino, autore di Tu Salvati

Le vite di quattro personaggi cambiano radicalmente a seguito della morte di Galdina, un’adolescente col titolo di “Miss cesso del liceo”. Paolo Valentino, autore di Tu Salvati, ci racconta le sfide che i suoi personaggi dovranno affrontare quando messi faccia a faccia con i loro fantasmi.

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Woensdag 6 maart 2019

Perché ho scritto “Tu salvati”

Ogni età ha un’emozione, e se l’infanzia per me è rappresentata, al di là dei giorni più luminosi, dalle piccole, grandi paure che ho cercato di far rivivere in Ritratto di famiglia con errore, l’adolescenza è il sentirsi costantemente sotto giudizio.

La famiglia ti giudica perché non sei più il bambino che eri, la scuola ti giudica per come impari ciò che ha da insegnarti, i coetanei per come ti vesti, ti pettini, per l’aspetto fisico che la natura, e i tuoi genitori, ti hanno dato in dono. “È colpa di sua madre se ha il culo così grosso”, così si dice davanti a uno specchio Arianna, ragazza bella, intelligente, benestante, ma con un fondoschiena che odia.

Durante l’adolescenza, mille volte anche io ho sognato di essere qualcun altro.

Leggi tutto “Perché ho scritto “Tu salvati””

In un solo grammo di cielo: intervista a Chiara Iezzi

Per alcuni è un periodo della vita da dimenticare, per altri è stata una fase difficile ma costruttiva, di certo quando parliamo di adolescenza parliamo di complessità.
Abbiamo chiesto a Chiara Iezzi, autrice di In un solo grammo di cielo, il motivo per il quale ha scelto di affrontare questa tematica, il ricordo dei suoi 17 anni e il consiglio che darebbe a una ragazza come la sua protagonista, Emily: ci ha risposto con una sincerità commuovente.

Per alcuni è un periodo della vita da dimenticare, per altri è stata una fase difficile ma costruttiva, di certo quando parliamo di adolescenza parliamo di complessità.Abbiamo chiesto a Chiara Iezzi, autrice di ”In un solo grammo di cielo”, il motivo per il quale ha scelto di affrontare questa tematica, il ricordo dei suoi 17 anni e il consiglio che darebbe a una ragazza come la sua protagonista, Emily: ci ha risposto con una sincerità commuovente.

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Donderdag 14 februari 2019

 

 

 

 

 

Caro lettore: una lettera di Heidi Perks


Caro lettore,
non è sempre facile per uno scrittore determinare con precisione da dove arrivi l’ispirazione, ma per Sotto i tuoi occhi riesco a ricordarlo con chiarezza. Mentre guardavamo i nostri bimbi giocare al parco, una mia amica mi raccontò che un bambino era rimasto vittima di un tragico incidente quando era affidato dalla madre alle cure di un conoscente. Questo fatto mi colpí molto – sono letteralmente andata fuori di testa pensando ad entrambe le coppie di genitori: qualcuno aveva perso suo figlio, ma allo stesso tempo un’altra coppia stava facendo i conti con il senso di colpa e le accuse che quel tipo di responsabilità si portava dietro. Nessuno ne sarebbe uscito indenne. Chissà come avrebbero fatto ad andare avanti!

Fra le tante storie tristi che ci perseguitano questa è stata quella che non mi avrebbe più abbandonata. Non riuscivo a smettere di chiedermi come aveva dovuto sentirsi l’amica cui era stato affidato quel bambino. E continuavo a chiedere a tutti quelli che incontravo se gli fosse mai capitato di perdere il figlio di un’altra. Cosa sarebbe stato peggio? Perdere il proprio figlio o  quello di qualcun altro?
Leggi tutto “Caro lettore: una lettera di Heidi Perks”

In un solo grammo di cielo: intervista a Chiara Iezzi


Il 7 febbraio arriva in libreria “In un solo grammo di cielo”, il romanzo d’esordio di Chiara Iezzi. Il libro è un’intensa fiaba dark dei nostri giorni e racconta la storia della giovane Emily. Abbiamo chiesto all’autrice di parlarci di sé, del suo libro e del messaggio che vorrebbe arrivasse ai lettori.

Ti conosciamo per la tua passata carriera musicale e come attrice. Ora il tuo esordio come scrittrice. Come nasce “In un solo grammo di cielo”?
Da tre anni, per lavoro, vivo a Los Angeles per qualche mese l’anno. L’idea del libro è nata lì, un po’ perché il tempo in quella città scorre lento, ma anche perché ci sono pochi attori a Los Angeles che non scrivono o non producono. Mi hanno chiesto spesso di provare a scrivere, tra un’audizione e l’altra: “Qui tutti cercano di scrivere qualcosa di proprio”. Così l’ho fatto anch’io. Ho provato, ispirata da alcuni film, finché non è arrivata la spinta che ha messo al mondo “In un solo grammo di cielo”.

Quella di Emily è la storia di una ragazza messa a dura prova dalla vita, una storia difficile che può essere una grande fonte d’ispirazione. C’è qualche aspetto della vita della protagonista o del suo carattere nel quale ti leggi?
Leggi tutto “In un solo grammo di cielo: intervista a Chiara Iezzi”