SEMTRANSLATION – INTERVISTA A MAURIZIA BALMELLI

Dicembre apre le porte a un’altra grande traduttrice. Per la nostra rubrica #SEMtranslation, giunta al quarto appuntamento, abbiamo intervistato Maurizia Balmelli, traduttrice tra gli altri, di Il cielo in gabbia di Christine Leunens.

-Come ti poni di fronte al rapporto traduttore-traditore?

Questa del traduttore/traditore mi è sempre sembrata una falsa pista. La traduzione, così come la scrittura, è trasmissione; e ogni forma di trasmissione implica un compromesso, uno slittamento, un aggiustamento.

Semmai è più pertinente parlare della pertinenza delle scelte; dell’abilità, attraverso la comprensione del testo che ci sta di fronte, di mettere a fuoco gli aspetti che di quella scrittura vanno privilegiati. Questo a livello macro ma anche microscopico: una frase, una parola: cosa deve prevalere, qui? L’andamento ritmico? l’accento? il tono? il significato?

La traduzione – come la scrittura, come la trasmissione, come qualsiasi tipo di comunicazione, di incontro – comporta un’estenuante ma anche esaltante successione di scelte. E quindi mi viene da dire che – più che di fronte al rapporto traduttore-traditore – di fronte al testo, sempre, bisogna armarsi di dedizione e coraggio.

– Quali sono le difficoltà principali che devi affrontare rispetto allo stile di un autore/autrice?

Be’, dipende dallo stile e dall’autore. La difficoltà primaria, direi, è proprio quella di individuare le difficoltà da affrontare. Individuare le difficoltà ovviamente non significa per forza saperle superare. Ma quella è la rotta da tenere. Ci sono casi in cui la sintonia con un dato stile è immediata; in altri la si raggiunge per approssimazioni progressive; in altri ancora la si rincorre fino all’ultima pagina – e allora per il revisore sono sorci verdi. Il fatto è che non esiste scrittura che si possa definire atonale. E in traduzione, trattandosi di scrittura, l’alchimia sta nel sintonizzarsi, o quantomeno adeguare la propria scrittura a quella che si traduce.

-Preferisci il confronto con l’autore/autrice o risolvere con le note?

Una cosa non esclude l’altra. Ma la mia preferenza va al confronto con l’editor (se e quando in presenza di editor competente), perché guardiamo al testo dalla stessa sponda, quella dell’italiano; e, sempre che l’editor sappia davvero mettere le mani in pasta, possiamo confrontarci su percorsi, scogli, interpretazioni e ipotesi di traduzione. Con uno degli autori che traduco, Aleksandar Hemon, ho stretto una profonda amicizia; ogni volta che sto lavorando su un suo testo, a un certo punto mi dice o mi scrive: allora? Domande? E io puntualmente mi ritrovo a dirgli: non offenderti, ma non ne ho. Con un altro autore che avevo contattato a inizio traduzione mi sono ritrovata a prendere un tè per sottoporgli cinque domande costruite ad hoc – avrei potuto fare a meno del suo aiuto, ma non volevo deluderlo. Poi, certo, mi è capitato di prendere a testate la traduzione francese e quella tedesca di un capolavoro come Suttree cercando risposte che non riuscivo a trovare né nel mio orizzonte né in quelli – ma Cormac McCarthy non ama essere disturbato (e forse va bene così, perché avrei temuto le sue risposte).

-Probabilmente si perde qualcosa, ma se ne guadagna un’altra. Qual è la grande conquista di un traduttore?

Vorrei dire che la grande conquista del traduttore è la lingua che guadagna a ogni libro. Sempre più spesso, nel corso di una conversazione più o meno impegnata, o mentre scrivo qualcosa di mio, mi capita di accorgermi che la mia lingua è intessuta di tributi ad altre lingue/scritture. E soprattutto, la consapevolezza che ho della mia lingua non smette di crescere. Tutto ciò naturalmente va a vantaggio delle mie traduzioni future. E mi piace pensare che attraverso di me, traduttrice, anche le scritture degli altri si compenetrino e arricchiscano.

SEMTRANSLATION – INTERVISTA A SILVIA PARESCHI

Novembre apre le porte a un’altra grande traduttrice. Per la nostra rubrica #SEMtranslation, giunta al terzo appuntamento, abbiamo intervistato Silvia Pareschi traduttrice di Ragioni per vivere e Nessuno è come qualcun altro (dal 21 novembre in libreria) di Amy Hempel.

 

-Come è stato tradurre i racconti di Amy Hempel?

Avevo già tradotto Hempel, perciò conoscevo bene la sua scrittura precisa e cristallina. Così quando mi è stato proposto di tradurre la sua nuova raccolta di racconti ho accettato con gioia. Hempel è una di quegli scrittori per i quali lo stile è praticamente tutto. Lo stile e la “voce”. E questo rende il lavoro della traduttrice più difficile ma anche più appassionante. Bisogna saper replicare nel proprio lavoro quella meticolosità pressoché ossessiva con cui l’autrice ha scelto le parole e ha creato il ritmo e l’architettura del proprio racconto. Mi sembra di vederla, mentre riflette per un tempo incalcolabile su ogni singola frase, portandosela dietro nella mente durante la giornata, mentre insegna, mentre porta a spasso i cani, cesellandola finché non ha raggiunto la forma perfetta. È un modo di lavorare che accomuna molti scrittori di racconti, ma Hempel lo porta a vette estreme. E la traduttrice, consapevole di questo, deve lavorare a sua volta di cesello, deve sbozzare e limare e poi leggere e rileggere e rileggere ancora, con l’obiettivo mai pienamente conseguito ma appassionatamente perseguito di raggiungere un’analoga perfezione.

– Come ti sei posta di fronte al rapporto traduttore-traditore? Ti sei confrontata con l’autrice? 

Il vecchio adagio sul traduttore che inevitabilmente diventa un traditore sembra voler porre l’accento sulle piccole sconfitte che ogni traduttore deve accettare come parte del mestiere: l’impossibilità di rendere tutte le sfumature di un termine, la resa davanti a un gioco di parole impossibile. Ma per fortuna nel mestiere del traduttore ci sono anche tante vittorie, che spesso sono ben più importanti, come riuscire a ricreare il ritmo dell’originale, per esempio, o saper riprodurre lo stesso effetto con parole diverse.

Quando traduco mi piace, quando è possibile, confrontarmi con l’autore. Hempel è una persona gentilissima e molto disponibile, e mentre lavoravo a questo libro le ho scritto per sottoporle alcuni dubbi e per chiedere la sua approvazione per certe soluzioni che avevo adottato. In genere gli scrittori rispondono volentieri alle domande dei loro traduttori, e a volte si possono avere discussioni molto interessanti, quando magari l’autore scopre, proprio grazie alla traduzione, nuove sfaccettature della sua scrittura che si scorgono solo attraverso il prisma di un’altra lingua.

-Delicato, preciso, lucido ed elusivo. Quali sono le difficoltà principali che hai affrontato rispetto allo stile dei racconti di questa autrice fuori dai canoni?

Lo dico sempre: gli unici libri davvero difficili da tradurre sono quelli scritti male. Quelli sciatti, con un lessico impreciso e un editing distratto. Perché allora il traduttore deve fare i salti mortali per rimettere in piedi una struttura che è pericolante fin dall’inizio, e se non lo fa potrebbe vedersi attribuita la colpa della mediocrità del libro. I racconti di Hempel non corrono certo questo rischio, e con lei trovare soluzioni alle difficoltà della traduzione diventa un piacere, una sfida gratificante. In questo libro ci sono parecchi giochi di parole, che sono sempre la dannazione del traduttore: spiegarli in nota vorrebbe dire arrendersi, e così bisogna trasporli in italiano, cosa spesso complicata. Un esempio: a un certo punto c’è un personaggio che ha un adesivo da paraurti con la scritta “I brake just like a little girl”, che letteralmente significa “Freno come una bambina”, ma che è un chiaro riferimento a un verso della canzone Just Like a Woman di Bob Dylan “She breaks like a little girl”. Per renderlo ho ripreso, modificandolo, il titolo di una famosa canzone di Vasco Rossi, e la scritta sull’adesivo è diventata “Vado al minimo”.

– Probabilmente si perde qualcosa, ma se ne guadagna un’altra. Qual è la grande conquista di un traduttore?

La grande conquista è quella di sentirsi co-creatori del testo, con tutta la responsabilità ma anche tutte le soddisfazioni che questo comporta.