Bestia da latte

Giovedì in SEM c’è stata la presentazione del libro Bestia da latte di Gian Mario Villalta, l’autore ha poi incontrato nuovamente i lettori venerdì a Tempo di libri.

In entrambe le presentazioni, in SEM con Antonio Riccardi e a Tempo di libri con Luigi Zoia, Gian Mario ha raccontato, emozionando la platea, lo scenario degli anni 60 in un remoto universo di provincia del Nord est e i rapporti del protagonista del libro, un undicenne vittima del cugino violento, con la famiglia.

La rigidità delle regole, i padri che comandano senza scampo sulla famiglia, i rapporti segnati costantemente dalla paura e dalla mancanza di contatto, l’assenza di affetto, sono soltanto alcuni dei tratti caratteristici di un libro crudo e lirico nello stesso tempo.

Il titolo del libro indica con chiarezza il cambiamento epocale di un mondo che proprio in quegli anni stava vivendo una rivoluzione che lo avrebbe reso da allora irriconoscibile:

«Venne il momento in cui “le bestie” non erano più gli animali per eccellenza, ma prodotto per l’industria, diviso in due categorie merceologiche: le “bestie da latte” e le “bestie da carne”. A quel punto la puzza era diventata insopportabile e fastidiosa per tutti».

È facile immaginare che l’era di passaggio che ha portato al nostro presente, in un nord est non più contadino ma popolato da industrie, villette e centri commerciali, abbia portato con se uno strascico di incomprensione e muta crudeltà, ma anche una forma, in alcuni casi di acuta nostalgia.

In diretta dalla casa editrice la presentazione di "Bestia da latte" di Gian Mario Villalta con Antonio Riccardi.

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op donderdag 8 maart 2018