Le parole che mancano al cuore di Fabio Canino

Appuntamenti segreti, incontri fugaci, storie nascoste: del resto “i calciatori gay non esistono” e per Matteo, che gioca in una squadra di Serie A, questa è l’unica vita possibile. Quando conosce Thiago, un fenomeno scoperto ancora bambino nelle favelas, il suo mondo viene sconvolto. E tra i due nasce un’intesa che si trasforma in un sentimento sempre più profondo.

Le parole che mancano al cuore” è una storia d’amore intensa, è denuncia dell’ipocrisia del mondo del calcio italiano (e non solo), è la lotta di due anime nel trovare la propria strada, nonostante tutto e tutti. .

Dalle parole alle immagini, abbiamo seguito il nostro Fabio Canino con filmati “rubati”, tra campetti da calcio e spogliatoi, tentando di intercettare con ironia rivelazioni in grado di squarciare il velo di silenzio sull’omosessualità nel calcio (visitate la nostra pagina Facebook per vederli tutti!).

Inoltre, l’autore è anche protagonista di diversi eventi: il 2 maggio, giorno dell’uscita di “Le parole che mancano al cuore”, presenta il suo libro negli spazi di RED laFeltrinelli di via Tomacelli a Roma, alle 18, in compagnia di Myrta Merlino e Marco Tardelli.

 È poi possibile incontrarlo al Salone del Libro di Torino: l’appuntamento è in Sala Bianca, domenica 12 maggio alle 16.30: l’autore presenta il suo libro e conversa con Darwin Pastorin.

 

Tempesta di Arif Anwar

La storia di Shahryar e sua figlia Anna s’intreccia, oltre i confini dello spazio e del tempo, con le storie di altre cinque famiglie. Che cosa accomuna questi mondi così diversi tra loro, eppure segnati dallo stesso inesorabile destino? Una tempesta.

Ispirato al ciclone Bhola che colpì il Bangladesh nel 1970 uccidendo, in una sola notte, più di un miliardo di persone, Tempesta è l’esordio narrativo di Arif Anwar.

Questo romanzo narra, attraverso le voci dei suoi personaggi, la storia del Bangladesh e della guerra d’indipendenza dal Pakistan. Sullo sfondo di un tragico evento, Arif Anwar ci racconta i diversi modi in cui le persone amano, tradiscono e si sacrificano le une per le altre in momenti di difficoltà.

Tempesta esplora, con le sue cinque voci, ciò che ci unisce al di là delle differenze, che siano esse etniche o religiose. 

 Arif Anwar scrive un romanzo profondamente influenzato dalla sua vita e dal suo paese natale, un’epopea nel solco de “Il cacciatore d’aquiloni” di Khaled Hosseini.

Lo trovate in libreria.

 

Valerio Massimo Manfredi presenta “Sentimento italiano”

Lunedì 8 aprile Valerio Massimo Manfredi sarà ospite nella sede FAI in Via Carlo Foldi 2 per presentare il suo nuovo libro Sentimento Italiano. Dialogherà con l’autore Mario Calabresi, giornalista ed ex direttore di La Repubblica.

Una location speciale per un autore altrettanto speciale. Valerio Massimo Manfredi, che all’attivo ha più di 12 milioni di copie vendute sia in Italia che all’estero, torna con un nuovo libro dedicato a noi italiani e alla nostra patria.

Sentimento Italiano è un viaggio alle radici della nostra storia, una lectio magistralis in cui Manfredi ci accompagna alla riscoperta delle nostre meraviglie per comprendere meglio il passato e il presente dell’Italia. Un romanzo che, a tratti in chiave autobiografica, ci aiuta a riscoprire e riflettere su cosa vuol dire sentirsi italiani.

Potete trovare Valerio Massimo Manfredi e il suo Sentimento Italiano in libreria dall’11 aprile.

Camille Bordas, Come muoversi tra la folla

 

Maria Giulia Castagnone, editor di SEM, vi presenta il nuovo romanzo di Camille Bordas intitolato “Come muoversi tra la folla”.

Isidore, da tutti chiamato Dory, è un bambino di undici anni che vive con i sei fratelli e i genitori in una cittadina francese. Nel mondo di Isidore, però, essere “normali” è sinonimo di anormalità.

In Come muoversi tra la folla, la Bordas vi catapulterà nella vita interiore di un adolescente alla scoperta di se stesso e del mondo che lo circonda. Non mancheranno momenti di malinconia, riflessione, ma soprattutto dark humor.

 In libreria da oggi.

L'editor Maria Giulia Castagnone ci porta alla scoperta di "Come muoversi tra la folla", di Camille Bordas: in uscita oggi!

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Woensdag 20 maart 2019

La figura paterna: intervista a Luigi Zoja

Lunedì 4 marzo 2019 la sede SEM, in via Cadore 33, ha ospitato l’incontro Hikikomori: il fenomeno invisibile.

Il dibattito è stato incentrato sul fenomeno degli Hikikomori – in giapponese “stare in disparte” – una forma di ritiro sociale in aumento tra i giovani italiani.  Tra i relatori era presente Luigi Zoja, psicanalista e saggista di scuola junghiana.

Gli abbiamo chiesto di parlarci della figura paterna, argomento del suo famoso saggio Il gesto di Ettore, e di come la sua assenza stia influenzando la società moderna.

Luigi Zoja: La figura paterna

Lunedì 4 marzo SEM ha ospitato il dibattito "Hikikomori: il fenomeno invisibile". Abbiamo chiesto a Luigi Zoja, psicanalista, saggista e guest della serata, di parlarci della figura paterna e di come la sua assenza stia influenzando la società moderna. Potete trovare il video completo della serata nella sezione video!

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Woensdag 6 maart 2019

Questioni di famiglia, Rebekah Frumkin

Una dark comedy che si snoda in tutti gli Stati Uniti, dalla sparatoria della Kent State alle marce di protesta a Chicago, fino alle Everglades in Florida, e spazia nel tempo dai figli del boom economico ai millenials, passando per la Generazione X. La storia di due famiglie di Cleveland estremamente diverse, i cui destini si intrecciano per sempre.

L’esordio letterario di Rebekah Frumkin è in libreria oggi.

Tu salvati: intervista a Paolo Valentino

Le vite di quattro personaggi cambiano radicalmente a seguito della morte di Galdina, un’adolescente col titolo di “Miss cesso del liceo”. Paolo Valentino, autore di Tu Salvati, ci racconta le sfide che i suoi personaggi dovranno affrontare quando messi faccia a faccia con i loro fantasmi.

Tu salvati è un romanzo complesso come i temi di cui tratta, tra cui l’adolescenza e i continui mutamenti che quest’età delicata può portare.

Intervista a Paolo Valentino, autore di Tu Salvati

Le vite di quattro personaggi cambiano radicalmente a seguito della morte di Galdina, un’adolescente col titolo di “Miss cesso del liceo”. Paolo Valentino, autore di Tu Salvati, ci racconta le sfide che i suoi personaggi dovranno affrontare quando messi faccia a faccia con i loro fantasmi.

Geplaatst door SEM Società Editrice Milanese op Woensdag 6 maart 2019

Hikikomori: il fenomeno invisibile

Lunedì 4 marzo 2019 alle ore 18:00, presso la sede della SEM – Società Editrice Milanese, in via Cadore 33 a Milano, si svolgerà l’incontro dal titolo “Hikikomori, il fenomeno invisibile”.

Scopo del dibattito sarà far luce su questa manifestazione di disagio giovanile – che si sta velocemente diffondendo anche in Italia – e di offrire informazioni utili a chi lo sta affrontando (come famiglie, insegnanti, psicologi), grazie alla presenza di importanti esperti del settore.

L’evento verrà trasmesso in diretta web sulla pagina Facebook di SEM, dove resterà poi disponibile in forma di video. Per tutti gli interessati sarà comunque possibile interloquire direttamente con gli esperti, partecipando alla diretta e inviando messaggi sulla chat di FB della pagina SEM.

Delle cause del ritiro sociale di molti giovani italiani discuteranno:

Laura Calosso, scrittrice e giornalista, autrice di Due fiocchi di neve uguali (SEM) romanzo che affronta il tema del ritiro sociale.

Marco Crepaldi, presidente e fondatore di Hikikomori Italia, autore di Hikikomori. I giovani che non escono di casa, Alpes Italia, 2019.

Matteo Lancini, psicologo, psicoterapeuta, presidente fondazione Minotauro di Milano, curatore di Il ritiro sociale negli adolescenti. La solitudine di una generazione iperconnessa in uscita il 14 marzo prossimo da Raffaello Cortina Editore.

Luigi Zoja, psicanalista e saggista, ultimi libri pubblicati Nella mente di un terrorista e Vedere il vero e il falso, Einaudi.

A moderare l’incontro Annarita Briganti, scrittrice e giornalista di Repubblica.

Perché ho scritto “Tu salvati”

Ogni età ha un’emozione, e se l’infanzia per me è rappresentata, al di là dei giorni più luminosi, dalle piccole, grandi paure che ho cercato di far rivivere in Ritratto di famiglia con errore, l’adolescenza è il sentirsi costantemente sotto giudizio.

La famiglia ti giudica perché non sei più il bambino che eri, la scuola ti giudica per come impari ciò che ha da insegnarti, i coetanei per come ti vesti, ti pettini, per l’aspetto fisico che la natura, e i tuoi genitori, ti hanno dato in dono. “È colpa di sua madre se ha il culo così grosso”, così si dice davanti a uno specchio Arianna, ragazza bella, intelligente, benestante, ma con un fondoschiena che odia.

Durante l’adolescenza, mille volte anche io ho sognato di essere qualcun altro.

Leggi tutto “Perché ho scritto “Tu salvati””

Caro lettore: una lettera di Heidi Perks


Caro lettore,
non è sempre facile per uno scrittore determinare con precisione da dove arrivi l’ispirazione, ma per Sotto i tuoi occhi riesco a ricordarlo con chiarezza. Mentre guardavamo i nostri bimbi giocare al parco, una mia amica mi raccontò che un bambino era rimasto vittima di un tragico incidente quando era affidato dalla madre alle cure di un conoscente. Questo fatto mi colpí molto – sono letteralmente andata fuori di testa pensando ad entrambe le coppie di genitori: qualcuno aveva perso suo figlio, ma allo stesso tempo un’altra coppia stava facendo i conti con il senso di colpa e le accuse che quel tipo di responsabilità si portava dietro. Nessuno ne sarebbe uscito indenne. Chissà come avrebbero fatto ad andare avanti!

Fra le tante storie tristi che ci perseguitano questa è stata quella che non mi avrebbe più abbandonata. Non riuscivo a smettere di chiedermi come aveva dovuto sentirsi l’amica cui era stato affidato quel bambino. E continuavo a chiedere a tutti quelli che incontravo se gli fosse mai capitato di perdere il figlio di un’altra. Cosa sarebbe stato peggio? Perdere il proprio figlio o  quello di qualcun altro?
Leggi tutto “Caro lettore: una lettera di Heidi Perks”